Cos'è la pet therapy

La pet therapy è una co-terapia nata ufficialmente negli Stati Uniti negli anni '60 basata sui benefici derivanti dalla relazione Uomo-Animale. Giunta in Italia alla fine degli anni '80, gode oggi di notorietà in quanto numerosi studi scientifici ne comprovano l'efficacia.

Cos'è una co-terapia
Una co-terapia è una terapia che affianca e non sostituisce una terapia medica tradizionale. Si tratta di tutte quelle attività che completano il percorso terapeutico intrapreso al fine di aumentare il benessere psico-fisico del soggetto cui si rivolge.

Perchè la pet therapy
La pet therapy basa la sua efficacia sul concetto di relazione Uomo-Animale, una relazione antica quanto la vita dell'essere umano sulla Terra. La relazione tra l'utente e l'animale diventa terapeutica in quanto veicolo di comunicazione efficace tra i due interlocutori. E' molto importante quindi che questo "dialogo" venga diretto correttamente sia dallo staff medico che ha in cura la persona che dal conduttore dell'animale in questione, tecnico opportunamente preparato all'incontro con ogni tipo di utenza. La pet therapy nasce dall'intuizione del neuropsichiatra infantile Boris Levinson che notò come l'interazione tra il suo cane ed un suo piccolo paziente autistico fosse più facile e spontanea rispetto a quella tra il bambino ed il suo terapeuta. Levinson definì allora il cane "co-terapeuta" in quanto facilitatore e mediatore di relazioni curative, efficaci, proficue e positive. Da allora Levinson portò avanti numerosi studi sul potere terapeutico del rapporto tra Uomo e Animale e aprì le porte ad una serie di co-terapie basate su questa (ippoterapia, onoterapia, delfinoterapia ed altre).

La pet therapy in Italia
Nel nostro Paese il termine "Pet therapy" comprende un gruppo eterogeneo di attività:

1. Le Attività Assistite dagli Animali (AAA) - Attività rivolte ad un'ampia utenza con o senza specifiche patologie. Sono solitamente attività ludico-ricreative di gruppo in cui operatori, conduttore e animale offrono supporto emotivo-affettivo agli utenti.
2. L'Educazione Assistita dall'Animale (AAE) - Attività di educazione al rispetto della diversità animale. Sono spesso attuate nelle Scuole di ogni ordine e grado ma anche in fattorie didattiche, agriturismi ed aziende agricole.
3. Le Terapie Assistite dagli Animali (AAT) - Attività terapeutiche rivolte a persone di ogni età con patologie di ogni genere: fisiche, psicologiche, psichiatriche, croniche o episodiche. Il setting terapeutico può essere il domicilio del paziente, case di cura, RSA, RSSA, ospedali e cliniche.

Indicazioni alla pet therapy
La pet therapy giova a tutti! Essa si rivolge sia a persone di ogni età senza una specifica patologia (AAE ed AAA) che a persone di ogni età con patologie varie (AAT). La pet therapy non è rivolta solo ai bambini ma anche ad adulti ed anziani. Per fare alcuni esempi, le AAT vengono frequentemente applicate in caso di patologie come autismo, ADHD, disturbi specifici dell'apprendimento, paralisi cerebrali infantili, ritardi fisici e mentali, m. di Parkinson, m. di Alzheimer, demenze, disturbi di coordinazione motoria, disturbi propriocettivi ed esterocettivi, disturbi della sfera affettiva, depressione, disturbi del comportamento alimentare.

Controindicazioni alla pet therapy
Non possono prendere parte alle attività di pet therapy coloro che soffrono di una specifica allergia al pelo dell'animale (raramente il pelo del cane dà allergia mentre è frequente l'allergia al pelo di gatto, per cui il soggetto allergico al pelo di gatto, sotto consiglio medico, potrebbe invece prendere parte ad attività col cane). Altra controindicazione alla pet therapy è la fobia nei confronti dello specifico animale.

Gli specialisti in pet therapy
Gli specialisti in pet therapy fanno parte di un'equipe organizzata e strutturata che valuta il migliore approccio da utilizzare col paziente, nel pieno rispetto della salute e del benessere animale. L'equipe è quindi multidisciplinare e comprende figure quali il medico, il medico veterinario, il conduttore cinofilo e l'istruttore cinofilo, lo psicologo, il fisioterapista, il logopedista, l'infermiere, l'educatore professionale e l'insegnante. A seconda della tipologia d'utente, questi specialisti pianificheranno ed organizzeranno le modalità d'intervento terapeutico.

Il benessere animale
Affinché la relazione Uomo-Animale dia i suoi migliori frutti, è indispensabile che l'animale co-terapeuta viva questa relazione come un gioco ed un arricchimento del proprio bagaglio di conoscenze. Per tale motivo è molto importante l'adesione delle strutture di addestramento e del conduttore stesso ai principi di bioetica raggruppati nella Carta Modena 2002. L'animale deve essere costantemente monitorato da un veterinario che ne attesti idoneità sanitaria e fisica (per il suo benessere ma anche per quello degli utenti) che da un veterinario comportamentalista che ne attesti l'idoneità cognitivo-comportamentale. L'animale non dovrà in nessuna maniera essere addestrato con mezzi coercitivi ma con metodi dolci che tengano presente la diversità animale. Per tale motivo gli animali co-terapeuti sono animali domestici e non selvatici.

Il servizio di pet therapy del Poliambulatorio Polo Biomedico Adriatico di Vasto (Chieti, Abruzzo) è attivato nella zona del vastese, nella provincia di Chieti, in Abruzzo, in Molise ed in Puglia. Sono valutabili eventuali progetti in altre zone d'Italia.


POLO BIOMEDICO SRL - Via Aldo Moro 1, 6 e 41 - 66054 VASTO (CH) - P.IVA e Codice Fiscale 01972680696
TEL. 0873.368863 - FAX 0873.69409


Tutti i diritti riservati - sito realizzato da edysma in conformità agli standards di accessibilità del W3C HTML5 e di Responsive Web Design (RWD)