Fattori di rischio per ictus e screening

Nei Paesi occidentali ed in particolare negli USA le patologie cerebrovascolari rappresentano la terza causa di morte e la seconda causa di invalidità neurologica dopo il morbo di Alzheimer. FATTORI DI_RISCHIO_ICTUS__POLO BIOMEDICO_POLIAMBULATORIO_VASTO_cHIETI

Per tale ragione gli studi scientifici consigliano controlli periodici che valutino il rischio di malattia cerebrovascolare considerando i diversi fattori riportati schematicamente in tabella. In questo modo le persone a rischio possono influire sui fattori trattabili modificando il proprio stile di vita e assumendo una terapia idonea prescritta dal medico.  

Spesso, inoltre, è consigliata l'esecuzione di un eco-color-doppler dei tronchi sovra-aortici finalizzata principalmente a rilevare od escludere una stenosi dell'arteria carotidea. L'attenzione ecografica verso tale condizione è giustificata dall'alta frequenza della stenosi nella popolazione generale (prevalenza fino all'8%), dalla sua caratteristica asintomaticità e dalla usuale associazione della stenosi carotidea con l'ictus. Si stima, infatti, che una stenosi superiore al 50% del diametro dell'arteria carotidea aumenti il rischio di ictus a cinque anni del 4% mentre stenosi del 70% aumentano tale rischio all'8%. 

I programmi di screening più completi, quindi, propongono un'indagine complessiva delle problematiche cardiovascolari e metaboliche, oltre che una correzione degli stili di vita rilevati al colloquio. Solo a seguito di questo processo, il medico specialista potrà eventualmente consigliare un intervento. 


Per chi fosse interessato riportiamo in calce il link alla fonte utilizzata per questa news.

Buona lettura

Polo Biomedico Adriatico, poliambulatorio e laboratorio di analisi a Vasto (Chieti, Abruzzo)

Fonte


POLO BIOMEDICO SRL - Via Aldo Moro 1, 6 e 41 - 66054 VASTO (CH) - P.IVA e Codice Fiscale 01972680696
TEL. 0873.368863 - FAX 0873.69409


Tutti i diritti riservati - sito realizzato da edysma in conformità agli standards di accessibilità del W3C HTML5 e di Responsive Web Design (RWD)