Il "colpo della strega": cosa è e come si cura

 

Il cosiddetto "colpo della strega" è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta come un dolore intenso ed improvviso che interessa il rachide lombare, ossia la parte bassa della schiena. La persona colpita avverte un'improvvisa sensazione di rigidità del rachide ed una contrattura della muscolatura tale da non riuscire ad abbandonare la posizione in cui si trova al momento dell'episodio acuto. La regressione dei sintomi avviene gradualmente in 3-4 giorni ma il completo benessere si ottiene in un numero maggiore di giorni, a seconda dello stato di salute dell'apparato muscolo-scheletrico del soggetto colpito. La fascia d'età maggiormente colpita è quella adulta che va dai 30 ai 40 anni, mentre le persone in età geriatrica sono meno colpite. Il colpo della strega è solitamente scatenato da un movimento effettuato in maniera errata come il sollevamento rapido e brusco di un peso, non necessariamente eccessivo.colpo della_strega

Le cause del colpo della strega

Sono numerose le cause che possono scatenare una lombalgia acuta e possono essere dovute sia a stili di vita errati che a patologie in atto; in alcuni casi essa rientra invece tra i fenomeni parafisiologici, come ad esempio in gravidanza.

1. Stili di vita errati
Tra gli stili di vita errati bisogna annoverare quell’insieme di comportamenti, atteggiamenti e posture errate attuati durante azioni e movimenti. Si è detto in precedenza che la lombalgia acuta può essere scatenata dal sollevamento di un peso – sia che si tratti di un’innocua busta della spesa che di un manubrio in palestra – effettuato in una maniera talmente brusca e rapida da provocare una contrattura a carico dei muscoli del rachide lombare, come ad esempio il muscolo quadrato dei lombi.

Il colpo della strega quindi può colpire sia le persone sedentarie che gli sportivi. La causa principale da riscontrare nei sedentari sani è la mancanza di tonicità, forza ed elasticità dei muscoli dovuto al loro inutilizzo: un muscolo non allenato è un muscolo che reagisce all’eccessivo carico con una contrattura di difesa. Mantenere a lungo tempo la medesima postura contribuisce in maniera importante all’insorgere di problemi muscolo-scheletrici sia a manifestazione acuta che cronica. Nel soggetto allenato, la causa è invece da ricercare nella modalità dell’esecuzione del gesto e nel tipo di allenamento effettuato: allenare una sola catena muscolare e lasciare deboli le altre significa effettuare un allenamento sbilanciato che può portare al sovraccarico delle zone più deboli o più sottoposte a stress da carico. In tutti questi casi – sedentarietà, posture errate, allenamento sbilanciato – basterebbe correggere lo stile di vita per prevenire l’insorgere del doloroso colpo della strega, effettuando attività fisica in maniera consona e preceduta sempre da stretching globale.

2. Gravidanza
Durante la gestazione, il corpo della donna cambia il suo assetto sia in statica che in dinamica, non solo per il fisiologico aumento di peso ma anche per i cambiamenti ormonali cui è sottoposto. E’ possibile quindi che la donna in quel periodo possa essere soggetta a lombalgia acuta oppure che questa insorga dopo il parto, ancora una volta a causa dei cambiamenti corporei in atto.

3. Patologie ossee o sistemiche

Obesità – A causa del forte stress cui sono costantemente sottoposte muscoli, ossa ed articolazioni, l’obesità influisce negativamente sull’intero rachide anche perchè è spesso accompagnata da uno stile di vita sedentario e problemi cardiocircolatori.

Ernia del disco – L’ernia del disco può scatenare un fenomeno infiammatorio acuto a livello lombare che può sfociare in lombalgia acuta con conseguente impossibilità a muoversi.

Spondilolistesi – Lo scivolamento in avanti di una vertebra rispetto ad un’altra, ossia la spondilolistesi, è una patologia che interessa prevalentemente le ultime due vertebre lombari (L4 su L5). Essa è causata da un continuo stress meccanico (soprattutto ma non solo negli sportivi e bodybuilder) che può sfociare in contratture dei muscoli lombari che a loro volta si manifestano come “colpo della strega”.

Osteoporosi – La perdita di massa ossea provoca instabilità a livello vertebrale ed i microtraumi dovuti a movimenti bruschi o a sollevamento di pesi possono tradursi in infiammazione e contratture a livello muscolare.

La cura per il colpo della strega

La miglior cura contro il colpo della strega è la prevenzione! Prevenire la lombalgia acuta significa modificare i comportamenti sbagliati come la sedentarietà o un allenamento eccessivo e sbilanciato che non contempla lo stretching prima e dopo il gesto atletico. E' consigliato essere seguiti almeno inizialmente da un professionista laureato in Scienze Motorie che potrà correggere le abitudini errate durante l'allenamento. Studi recenti dimostrano che una lieve attività fisica fatta in maniera corretta aiuta nella prevenzione di malattie a carico dell'apparato locomotore, oltre che a migliorare l'umore. Quando si è obbligati a stare davanti alla scrivania per lavoro o studio, è consigliato modificare la propria postura e stare in piedi camminando per 2 minuti ogni 30 minuti seduti.

Quando invece si è colpiti da lombalgia acuta, secondo le più recenti linee guida, è consigliato il riposo a letto per almeno 24 ore e non più di 48, in quanto è stato dimostrato che l'allettamento prolungato non porta a maggiori benefici, come invece si credeva un tempo. Il parere del medico di famiglia è importante se si vuole ricorrere ad antinfiammatori e/o miorilassanti per accelerare il processo di guarigione.

Una volta guariti, è consigliato rivolgersi ad un medico fisiatra e ad un fisioterapista - sanitario laureato in Fisioterapia - per una valutazione globale del rachide ed un eventuale ciclo riabilitativo che preveda l'educazione terapeutica del paziente, terapia fisica e manuale da effettuarsi in prevenzione a nuove possibili ricadute.

 

Laboratorio e Poliambulatorio Polo Biomedico Adriatico

 

Fonti:

W. B. Greene, Ortopedia di Netter, Elsevier Masson, 2007

B. Toso, Back School - Neck School - Bone School. Programmazione, organizzazione, conduzione e verifica,vol. 1, Edi-Ermes, 2003

B. Toso, Mal di schiena. Prevenzione e terapia delle algie e patologie vertebrali, Edi-Ermes, 2013

B.A. Casazza, Diagnosis and treatment of acute low back pain, American Family Physician, 2012

 


POLO BIOMEDICO SRL - Via Aldo Moro 1, 6 e 41 - 66054 VASTO (CH) - P.IVA e Codice Fiscale 01972680696
TEL. 0873.368863 - FAX 0873.69409


Tutti i diritti riservati - sito realizzato da edysma in conformità agli standards di accessibilità del W3C HTML5 e di Responsive Web Design (RWD)