Sindromi da intrappolamento nervoso: quali sono e come si trattano

Con il termine "neuropatia", si indica un disturbo funzionale o un’alterazione patologica del tessuto nervoso periferico. A seconda dell’interessamento di uno o più nervi, si utilizzano rispettivamente i termini mononeuropatia o polineuropatia. Nel capitolo delle neuropatie è di importante rilievo la patologia relativa alle sindromi da intrappolamento nervoso ovvero neuropatie determinate dalla compressione di un nervo periferico in uno specifico sito anatomico. Soventemente la neuropatia da intrappolamento si verifica in punti anatomici ove lo spazio deputato al passaggio del nervo è già fisiologicamente limitato. Fattori predisponenti all’intrappolamento, dunque, sono nella maggior parte dei casi dovute a posture ed attività che stressano determinate articolazioni, ad esempio:

  • La flessione anteriore di testa, collo e spalle, spesso assunta nell’utilizzo di computer e smartphone, può determinare la sindrome dello stretto toracico
  • La posizione flessa del polso ed i movimenti ripetuti possono causare la sindrome del tunnel carpale, sindrome molto frequente in coloro che utilizzano strumenti vibranti come il martello pneumatico od il trapano ma anche computer
  • La posizione flessa del gomito o la pressione contro una superficie dura possono comprimere o stirare il nervo ulnare, posizione spesso assunta durante la guida di un’automobile. 

Altri fattori che possono determinare l’intrappolamento del nervo per compressione meccanica sono infiammazioni adiacenti al nervo, anomalie anatomiche, alterazioni artritiche, formazioni di cicatrici o tumori. In tutti i casi succitati la compressione cronica del nervo determina una lesione caratterizzata da una degenerazione del nervo stesso (demielinizzazione e degenerazione assonale).
Clinicamente si assiste alla comparsa di sintomi quali dolore e parestesie (formicolii) nella zona innervata dal nervo compresso. Inoltre, un’attenta valutazione del medico mostra deficit motori e sensitivi nell’area di compressione oltre che una debolezza ed un atrofia (perdita di massa) dei muscoli innervati dal nervo.
Riassumiamo di seguito le sindromi da intrappolamento nervoso più comuni.

Sindrome del tunnel carpale (Fig. 1)
Frequenza: patologia molto comune; incidenza del 5%, picco dell’età d’insorgenza compreso tra 45 e 60 anni tunnel carpale_Vasto_Polo Biomedico
Intrappolamento specifico: compressione del nervo mediano
Sintomi: formicolii e talvolta dolore alle prime tre dita della mano ed in parte al quarto dito. La percussione del nervo in sede carpale (a livello del polso) genera dolore o formicolii (segno di Tinel positivo)
Diagnosi: visita medica, studi elettrodiagnostici ed elettromiografia
Trattamento non invasivo: tutori, iniezioni di steroidi, laserterapia, elettroanalgesia con TENS, fisiochinesiterapia, agopuntura
Trattamento chirurgico: liberazione chirurgica del nervo
Specialisti di riferimento: neurologo, ortopedico, chirurgo plastico, fisioterapista, medico agopuntore

 

Sindrome del tunnel cubitale e sindrome del canale di Guyon
Frequenza: seconda patologia da compressione per frequenza
Intrappolamento specifico: compressione del nervo ulnare
N.B Il nervo ulnare può subire una compressione sia a livello del gomito (tunnel cubitale) sia a livello del polso (tunnel ulnare o canale di Guyon)
Sintomi: formicolii e perdita di sensibilità al quarto e quinto dito della mano (Fig. 2), diminuzione della forza intrinseca, problemi in movimenti diulnare radiale_mediano_vasto_chieti_polobiomedico prono-supinazione della mano (movimenti come girare una chiave in una porta)
Diagnosi: visita medica, studi elettrodiagnostici ed elettromiografia
Trattamento non invasivo: tutori, laserterapia, elettroanalgesia con TENS, fisochinesiterapia, agopuntura
Trattamento chirurgico: liberazione chirurgica del nervo
Specialisti di riferimento: neurologo, ortopedico, chirurgo plastico, fisioterapista, medico agopuntore

Sindrome del tunnel radiale
Frequenza: rara
Intrappolamento specifico: compressione del nervo radiale
N.B. Si assiste ad una compressione della branca interossea posteriore del nervo radiale (branca esclusivamente motoria) nel punto in cui passa attraverso il muscolo supinatore distalmente al gomito
Sintomi: deficit motori del pollice, dell’estensore della dita, dell’estensore ulnare del carpo (Fig.2)
Diagnosi: fondamentalmente clinica
Trattamento chirurgico: liberazione chirurgica del nervo
Specialisti di riferimento: neurologo, ortopedico, chirurgo plastico, fisioterapista, medico agopuntore

Sindrome dello stretto toracico
Lo stretto toracico è anatomicamente lo spazio delimitato dalla prima costa, dalla clavicola e dai muscoli scaleni, succlavio, piccolo pettorale. stretto toracico_superiore_polobiomedico_vasto_chietiEntro lo stretto toracico decorrono l’arteria, la vena succlavia ed il plesso brachiale, strutture potenzialmente soggette a compressione estrinseca.(Fig.3)
Frequenza: lo 0,2 - 2% della popolazione generale è affetto da tale patologia
Intrappolamento specifico: plesso brachiale ed eventualmente compressione dei vasi sanguigni presenti nello stretto
N.B. Frequentemente è coinvolta la corda mediale del plesso brachiale che costituisce il nervo brachiale mediale, brachiale antero-mediale ed il nervo ulnare
Sintomi dovuti alla compressione nervosa: debolezza dei muscoli intrinseci della mano, parestesie (formicolii) sulla parte mediale del braccio, dell’avambraccio e della mano.
Sintomi dovuti alla compressione vascolare: dolore, freddezza e cianosi (pallore) del braccio e della mano
Trattamento conservativo: fisiochinesiterapia
Specialisti di riferimento: neurologo, ortopedico, fisioterapista, medico agopuntore

 


POLO BIOMEDICO SRL - Via Aldo Moro 1, 6 e 41 - 66054 VASTO (CH) - P.IVA e Codice Fiscale 01972680696
TEL. 0873.368863 - FAX 0873.69409


Tutti i diritti riservati - sito realizzato da edysma in conformità agli standards di accessibilità del W3C HTML5 e di Responsive Web Design (RWD)